Le reazioni di lei e le reazioni di lui

La nascita di un bambino è un evento carico di emozioni e spesso le reazioni di mamma e papà non sono le stesse. Se il vostro bebè è nato da poco ve ne starete senz’altro accorgendo.

La nascita di un bambino è un evento carico di emozioni e spesso le reazioni di mamma e papà non sono le stesse. Se il vostro bebè è nato da poco ve ne starete senz’altro accorgendo.
Niente paura. Tutto normale. Non fatevi spaventare dal fatto che non sempre, nella stessa situazione, la pensate in maniera uguale.
Donne e uomini reagiscono diversamente di fronte all’arrivo di un figlio.
La mamma diventa molto protettiva e attenta, tende a concentrare la maggior parte delle sue attenzioni sul neonato e a volte si fa prendere un po’ dall’ansia e da quel sentimento di incertezza così tipico dei primi mesi di vita.
Di fronte all’arrivo di un bambino i padri, fin dalla gravidanza si sentono molto responsabilizzati: è un sentimento naturale e che si riscontra soprattutto nelle ultime generazioni di genitori. C’è molta voglia di partecipazione e di essere protagonisti di quello che sta succedendo.
In alcuni casi questo sentimento tracima in un senso di responsabilità molto elevato che procura ansia e frustrazione, in altri si possono generare piccole incomprensioni dovute al fatto che anche la mamma, in un momento così delicato, ha molta voglia di farsi carico della gestione del bambino.
Anche la fisicità cambia e non tutti sappiamo immediatamente gestirla al meglio.
L’importante, come sempre è non farsi prendere dal panico e ricordarsi che siamo tutti sulla stessa barca.
Ovviamente ogni situazione è diversa e mi piace sempre ricordare che con i bambini piccoli bisogna agire “a zona”, ovvero essere consapevoli che tutto cambia molto in fretta, ma se penso alla maggior parte delle coppie che conosco, questo schema emotivo si ripropone spesso.
Nel frattempo, se vi sembra di non capire le reazioni del vostro partner, parlatene e confrontatevi: probabilmente siete entrambi un po’ spaesati e spiazzati l’uno dall’altra.
Ecco un paio di suggerimenti utili per trovare un buon equilibrio di coppia.

Per lui:
Non smettere di coccolare la tua compagna, spesso le mamme con l’arrivo del bebè vengono un po’ messe da parte mentre hanno bisogno di grande attenzione, specie in un momento di fragilità come quello del post parto.
Falle capire che hai voglia di renderti utile e che per instaurare subito un legame anche con il piccolo ti fa piacere occuparti di lui, cambiarlo, essere presente nelle pratiche quotidiane.
Sii disponibile ad ascoltarla, sia quando le prenderà un naturale e sacrosanto panico, sia quando avrà semplicemente voglia di confrontarsi.
Invitala al riposo - quando possibile - rassicurandola sul fatto che puoi occuparti tu di tantissime cose. Se quel panico dovesse prendere te, cerca di ricordarti che siete in due e che il peso della famiglia non è tutto sulle tue spalle, anzi, forse non è nemmeno un peso così ingente come può sembrare.

Per lei:
Se il tuo umore è altalenante, assecondalo ma allo stesso tempo chiedi aiuto.
Anche quando ti sembra che nessuno ti possa capire, tanto meno il tuo partner, ricordati che prima di arrivare a conclusioni affrettate è sempre meglio parlare chiaramente, confrontarsi e far presenti le tue esigenze.
Cerca di non farti prendere dall’ansia del controllo e prenditi tutte le coccole del mondo: in questo periodo della vita potresti sentirti a disagio con il tuo corpo, pensa sempre che è un momento e che presto ritroverai la tua forma e anche il tuo buon umore. Se ti senti stanca, lascia che il papà si occupi del piccolo, fa piacere a entrambi ed è importante che si instauri la giusta triangolazione familiare.

Per entrambi:
Non fatevi prendere dalla paura di non comprendere le reciproche reazioni, abbassate la guardia e – appena potete – ritagliatevi un momento per voi. La nonna sarà felice di portare il piccolo a fare una passeggiata e voi potrete prendervi un caffè insieme e ricordarvi che lo spazio per la coppia esiste e che allo stesso tempo state facendo la cosa più importante del mondo e la state facendo insieme.
 

Ultimi Articoli